Recenti Ricerche delle Neuroscienze e della Psicologia Cognitiva

  "NON SARA' UNA DEMENZA?"

riconoscere e identificare i disturbi cognitivi e comportamentali negli ultra50enni

Per una migliore utilizzazione di Mens Sana

In questa sezione vengono presentati articoli scientifici che possiamo raggruppare in due categorie: articoli concernenti esperimenti “storici” (Pavlov, Libet, Milgram, Zimbardo ecc.) o comunque ricerche più volte confermate e tali da costituire solidi punti di riferimento nelle neuroscienze e/o nella psicologia scientifica, e ricerche di grande interesse in aree ancora aperte ed in evoluzione: abbiamo raggruppato i primi sotto il titolo “Le Grandi Ricerche”, ed i secondi sotto il Titolo “Recenti Ricerche delle Neuroscienze e della Psicologia Cognitiva”. In entrambi i gruppi, ma in particolare nel secondo, il futuro potrà riservarci importanti e forse anche rivoluzionarie novità: le nostre riflessioni e proposte e gli stessi articoli di Autori prestigiosi che riportiamo, hanno solo il fine di informare su quanto oggi si conosce e di destare curiosità e desiderio di tenersi aggiornati… “πάντα ῥεῖ ὡς ποταμός- panta rhei os potamòs tutto scorre come un fiume

P.S.: Se vi interessa un tema particolare usate la funzione “Cerca” in alto a dx

Phil ReedRisposta: Si. Vi sono varie ricerche che lo dimostrano: da segnalare una ricerca anglo-italiana su 144 persone che documenta come nei soggetti dipendenti da Internet l’astinenza dall’uso determini alterazioni neuro-psicofisiche analoghe a quelle che si riscontrano in soggetti dipendenti da sedativi o da oppioidi: molti ricercatori suggeriscono di inserire la dipendenza da Internet tra le dipendenze censite dal DSM V.

BJ FoggRisposta: Il termine captologia fu coniato dallo psicologo sperimentale BJ Fogg , che nella Università di Stanford dirige una sezione di ricerca dedicata a studiare ed elaborare tecniche di persuasione via web: dal 2003, anno in cui i suoi lavori furono noti al grande pubblico, centinaia di ricercatori elaborano segretamente software e prodotti interattivi il cui solo fine è quello di modificare le opinioni ed il comportamento delle persone indirizzandoli agli obiettivi prefissati dal committente. Preoccupante vero?

Ivana BuricRisposta: Sì. Sembra proprio così. Lo dimostrano vari studi commentati in una recente revisione pubblicata da Frontiers in Immunology: le tecniche di rilassamento inducono una down-regulation nei geni coinvolti nelle reazioni infiammatorie, specie da stress.

Luca Passamonti Roberta RiccelliRisposta: Sembra proprio sia così. Lo dimostrano varie ricerche, tra le quali segnaliamo una recente condotta sulle immagini cerebrali di ben 500 soggetti tra i 22 ed i 36 anni. Le caratteristiche della corteccia frontale sarebbero correlate con la introversione-estroversione e con la stabilità emotiva. Molto tuttavia rimane da comprendere specie sulla influenza che l’ambiente ecologico e psico-affettivo può avere sullo sviluppo cerebrale.

David BattyRisposta: SI. Fino ad ora si avevano a disposizione report ed osservazioni aneddotiche. Ora una importante ricerca ha raccolto i dati di 16 studi prospettici su 163363 persone; la ricerca ha dimostrato che esiste una correlazione tra ansia e/o depressione e la mortalità per alcuni tipi di tumori: leucemie,carcinomi del colon-retto, della prostata, del pancreas, dell’esofago. Non sono state dimostrate correlazioni significative con altri tipi di tumore: ecco l’articolo originale ….

Roese NealRisposta: E’ la tendenza a trovare una spiegazione “ a posteriori” che ci faccia apparire razionale e prevedibile anche ciò che non lo era in alcun modo.
E’ un errore molto comune in chi si occupa di cronaca e di storia: da un punto di vista retrospettivo siamo tutti eccellenti analisti ed abili preconizzatori.
Ma la realtà è molto più complessa: un esempio clamoroso ? La grave crisi finanziaria del 2008: gli stessi analisti che decantavano lo sviluppo della economia nel 2007 due anni dopo affermavano che era tutto spiegabile e  prevedibile e che lo avevano previsto …

Offir LauferRisposta: SI  Da molti anni sappiamo che la persona ansiosa tende alla generalizzazione degli stimoli, reagendo a segnali inoffensivi come fossero segnali di pericolo: la persona ansiosa sembra  Interpretare  erroneamente i segnali.
Ora però una ricerca israeliana che ha utilizzato la RM funzionale ha dimostrato che nei pazienti ansiosi cronici vi è una risposta anche nella corteccia sensoriale, ovvero vi è una alterata percezione degli stimoli…

Doug RohrerRisposta: Alternando lo studio si impara di più e meglio: questo risultato è stato dimostrato per la matematica e la geometria ma sembra potersi estendere a molti altri campi.
E’ tuttavia necessaria una conoscenza basilare della prima materia per passare con profitto alla seconda ed è consigliabile acquisire le conoscenze basilari di quest’ultima prima di ritornare alla prima: è la tecnica di “intercalazione “ che sembra migliorare l’apprendimento …

Benjamin Grant PurzyckiRisposta: Dipende ovviamente dal tipo di punizione o di ricompensa, ma è stato dimostrato che il timore di una punizione divina, per chi crede, è in linea di massima più efficace della promessa di una ricompensa.

 

 

Michael Leiter and Christina MaslachRisposta: SI. Il termine “burn out”, che letteralmente significa “bruciato” è stato introdotto negli anni ‘70 dalla psicologa del lavoro Christine Maslach che evidenziò, in persone dedite alla cura degli altri, una sindrome caratterizzata da appiattimento emotivo, ridotte prestazioni personali e lavorative, fenomeni di depersonalizzazione. La sindrome , oltre a medici ed infermieri colpisce frequentemente anche insegnanti, volontari di organizzazioni umanitarie. Recentemente Maslach e Leiter hanno dimostrato che questa sindrome può interessare tutte le attività lavorative ed hanno individuato elementi e segnali che possono aiutare ad individuarne i primi segni tanto nella struttura organizzativa della azienda che nel singolo individuo.

Matthias Schultze KraftRisposta: Circa 200 millisecondi, ovvero 2 decimi di secondi. Lo dimostra una recente ricerca pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences. Le importanti ricerche di Libet negli anni ’80 hanno dimostrato chiaramente che vi è un intervallo di 350-500 msec (ovvero da 3,5 decimi di secondo a mezzo secondo) tra le attivazioni delle aree corticali che danno l'impulso ad una azione motoria e la consapevolezza della azione medesima, ovvero quando il soggetto è cosciente della azione che sta compiendo.

 

Mark WhiteheadRisposta: La teoria dei nudge (in inglese: Nudge Theory) è stata proposta nel 2008 da alcuni studiosi di economia comportamentale: essa sostiene che rinforzi positivi (nudge) o aiuti indiretti possono influenzare virtuosamente il processo di decisione di gruppi e individui, con maggiore efficacia di direttive legislative o adempimenti forzati.

Michela Del VicarioRisposta: Il “Misinformation Effect” , che potremmo tradurre come Effetto di Alterata Informazione, è un meccanismo inconsapevole che altera i nostri ricordi: è legato a limiti nel funzionamento dei nostri processi cognitivi, sempre esistiti ma divenuti importanti e preponderanti con l’uso del Web e dei Social Media.

Anders EklundUn recente importante studio riscontra un elevato numero di falsi positivi nelle ricerche di neuroscienze che utilizzano Risonanze Magnetiche Funzionali

Una importante ricerca su 500 soggetti volontari, effettuata da ricercatori svedesi e pubblicato su Proceedings of the National Academy of Science (PNAS) degli Stati Uniti, ha dimostrato che gli algoritmi fino ad ora usati per interpretare i dati grezzi forniti dalle Risonanze Magnetiche Funzionali (fRMI) hanno un margine di errore nell’individuare false positività che può arrivare al 70%.

a cura di Riccardo De Gobbi

Quesiti e commenti possono essere inviati a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SIMG FE  SIMG Padova  SVeMG  associazione-francesco-mazzucca-colore